Nei cambiamenti di stagione, come l’autunno e la primavera, il nostro corpo e la nostra mente fanno fatica ad adeguarsi al nuovo clima, in particolare quando, come in questi ultimi anni, le variazioni sono notevoli anche all’interno della stagione. Questa difficoltà si traduce a volte in alcuni disturbi, che spesso comprendono gastrite, esofagite, reflusso gastrico, dispepsie, eruttazioni, senso di gonfiore e di pesantezza allo stomaco, ecc. ….

La gastrite è l’infiammazione della mucosa dello stomaco, così come l’esofagite è l’infiammazione dell’esofago, il canale che collega lo stomaco alla gola. Queste infiammazioni rappresentano la fase più evidente di una precedente difficoltà a digerire (dispepsia), reflusso gastrico, gonfiore e pesantezza, tutte causate da una iperacidità gastrica.

Spesso mi sento dire: “ma io non sento l’acido!”

Non è necessario sentirlo: se abbiamo questi sintomi, senz’altro c’è, e bisogna fare qualcosa per migliorare la situazione.

Se vogliamo affrontare il disturbo in modo naturale, la cosa migliore è affidarsi ad un naturopata per fare alcune sedute per il riequilibrio delle fasi energetiche collegate a stomaco, fegato e vescica biliare, alle quali aggiungere dei fitoterapici mirati al disturbo, e magari dei fiori di Bach per affrontare il problema anche dal punto di vista emozionale (stress, rabbia, nervosismo, ansia, ecc.): in pochi giorni ci si dovrebbe sentire meglio.

I commenti sono chiusi